vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Trasparenza e opacità. Per una storia 'sociale' dei termini in informatica ed economia

Licia Corbolante di "Terminologia etc." e Maria Teresa Musacchio dell'Università di Padova terranno una conferenza dal titolo "Trasparenza e opacità. Per una storia 'sociale' dei termini in informatica ed economia."

27/11/2013 dalle 17:30 alle 19:30

Dove Aula Magna SSLTI Forlì, via Oberdan n. 2,

Aggiungi l'evento al calendario

In prospettiva sincronica la terminologia si occupa di formazione primaria dei termini, cioè di neoconiazioni basate sulle risorse esistenti e sulle tendenze dominanti nella lingua in un determinato momento. Se da un lato ‘fotografare l’attimo’ consente in generale di elaborare raccolte terminologiche ampiamente fruibili, dall’altro non riesce a spiegare alcuni fenomeni interessanti, che riguardano la cosiddetta formazione secondaria o derivata dei termini e la variazione terminologica, che hanno per oggetto, rispettivamente, il reperimento di equivalenti per concetti già denominati in un’altra lingua e la cronistoria del cambiamento terminologico. Le indagini diacroniche risultano quindi rilevanti per lingue come l’italiano che fanno ampio uso di processi di formazione derivativi, in particolare in ambiti in rapida evoluzione come l’informatica e, seppure in minor misura, l’economia. Anche se lo sviluppo della terminografia basata su corpora consente di tracciare la vita del termine dalla prima attestazione fino al consolidamento, alla variazione e alla possibile scomparsa, lascia aperte alcune questioni, prime fra tutte l’intelligibilità di molti termini di origine inglese per un pubblico di non esperti e la misura in cui la variazione terminologica viene rappresentata nei testi divulgativi. Uno sguardo diacronico sulla terminologia non può dunque non essere anche una storia dei diversi gradi di trasparenza e opacità dei termini (e delle loro conseguenze) per diversi gruppi sociali nel trascorrere del tempo.

Sono cordialmente invitati docenti, ricercatori, dottorandi, assegnisti, borsisti e studenti della Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione.

L'evento si inserisce nell'ambito degli incontri del Laboratorio permanente di Traduzione settoriale.